L'obiezione di coscienza

Adesso che anche gli autisti di autobus volevano fare gli obiettori, mi domando: giusta l'obiezione di coscienza, ma perché uno non dovrebbe sopportarne le conseguenze?
Prendiamo i ginecologi, ad esempio. Il SSN ti assume per fare un certo lavoro. Non lo vuoi fare, non ti piace? Benissimo, sei libero di trovarne un altro. Non puoi rompere le scatole facendo qualcosa sì e qualcosa no, come ti comoda.
A voi autisti non piace la pubblicità? Bene, licenziatevi e andate a guidare un camion o un taxi.

Lasciando perdere tutti i casi di falsa coscienza, in cui prevalgono altri fattori (pressioni politiche o religiose, o semplice disinformazione), l'obiezione, secondo il mio modestissimo parere, ha un senso solo per cose che qualcuno ti può costringere a fare, com'era ad esempio il servizio militare prima che sospendessero il servizio di leva*. E in ogni caso chi la pratica deve essere pronto a sopportarne le conseguenze, altrimenti si tratta solo della pretesa di una dispensa dallo svolgere il proprio lavoro.

Bello sarebbe allora poter addurre motivazioni religiose per saltare le riunioni noiose, o i compiti troppo faticosi. Al solito, perché l'una cosa sì e l'altra no?

(*) per furor di gioventù, ardente mi convinsi a non fare il militare. Bei tempi...

Trackbacks

    Nessun Trackbacks

Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)

    Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA